Il Rotary Club Belluno piange la scomparsa del Past president Armando Targon

3 Ott 2021News

Lutto nel Rotary Club Belluno. All’età di 95 anni è venuto a mancare il past president Armando Targon. Nato a Copparo, provincia di Ferrara, era socio del Club dal 1974 ed è stato presidente nell’annata 2002-2003. Laureato in Medicina e chirurgia a Bologna – con specializzazione in Igiene e sanità pubblica, diagnostica di laboratorio, diagnostica di malattie da virus – è stato responsabile ai Servizi sanitari e sociali dell’Ulss 1. Nella sua lunga carriera ha ricoperto inoltre la carica di Direttore di laboratorio medico provinciale e responsabile del settore Igiene pubblica dell’Ulss 1, oltre ad Amministratore straordinario dell’Ulss di Pieve di Cadore.

Attivo anche nel sociale, è stato presidente dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi civili (sez. di Belluno), medico certificatore per l’invalidità civile e consulente tecnico di parte nei ricorsi giudiziari per gli invalidi civili.

«È con commozione che tutto il Club ricorda con grande affetto e stima il caro Armando – le parole di Patrizia Pedone, presidente del Rotary Club Belluno – un socio sempre presente e partecipe, disponibile e di grande generosità d’animo. Ha sempre incarnato i valori e i principi rotariani trasmettendoli a tutti noi con garbo e affabilità. Ci mancherà e ci uniamo al cordoglio della famiglia». A ricordarlo anche diversi soci del Club. «Armando era giovane nella curiosità e nel modo arguto con cui affrontava le cose – sottolinea Angelo Paganin – per tanti anni è stato presidente dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi civili e in questa sua veste è stato promotore di moltissime battaglie sul tema del lavoro, delle barriere architettoniche, dell’integrazione scolastica e per i diritti di ogni giorno per le persone invalide».

«Ho sempre stimato Armando – il ricordo di Ermanno Gaspari – con coraggio e motivazioni valide si era battuto, durante un comitato tecnico regionale, contro la realizzazione della discarica di rifiuti a Cordele. Solo contro tutti. Aveva la sua grande personalità. Come non ricordarlo vestito con giacca grigia e cravatta, mentre spingeva la sua bici da pianura per le vie del centro storico.

Sul manubrio una borsa di pelle marrone».

Armando Targon è stato un grande lavoratore anche dopo essere andato in pensione. Un impegno portato all’interno del Rotary Club Belluno, dove ha ricoperto la carica di segretario e, sebbene avesse superato i 90 anni, ha sempre partecipato alle conviviali del Club. 

Il Club si stringe forte alla moglie Vittorina e alle figlie Maria Cristina, Paola e Daniela.